Aggiornamento 21 aprile 2024

Elezioni Usa 2024

Tutto quello che c'è da sapere sul voto
di Silvia Martelli
delimiter
21 Apr
Elezioni primarie repubblicane di Porto Rico
Aggiornamento 29 marzo 2024

Domande & Risposte

Le elezioni del 5 novembre 2024 negli Stati Uniti determineranno il 47esimo presidente del Paese, che sarà in carica per i prossimi quattro anni.

Ma non solo: verranno eletti anche molti membri del Congresso, che nei prossimi anni avranno un ruolo chiave nello stabilire le priorità politiche e portare avanti l’agenda legislativa. I cittadini voteranno infatti per i 435 seggi della Camera dei rappresentanti e per 33 dei 100 seggi del Senato.

I mesi che precedono novembre saranno ricchi di eventi, tra caucus, primarie, campagne elettorali e convention, secondo un complesso sistema politico che cerchiamo di spiegare in questo Q&A.

Le elezioni si terranno il 5 novembre 2024: i cittadini voteranno per il prossimo presidente. Il vincitore avrà un mandato di quattro anni, a partire da gennaio 2025.

Gli elettori dovranno scegliere non solo il prossimo presidente, ma anche i nuovi membri del Congresso. Si voterà per tutti i 435 seggi della Camera dei rappresentanti, mentre per quanto riguarda il Senato, sono in palio solo 33 dei 100 seggi (ogni Stato ha due senatori che vengono eletti per un mandato di sei anni e ogni due anni un terzo del Senato viene rieletto). Attualmente, i Democratici sono al comando del Senato e i Repubblicani controllano la Camera.

Rappresentanti per Stato

Il numero di rappresentanti che verrà eletto in ogni Stato

Senatori per Stato

Il numero di senatori che verrà eletto in ogni Stato

Le primarie e i caucus sono i processi tramite i quali gli elettori scelgono i delegati che li rappresenteranno alle prossime convention.

Primarie: I membri del partito votano per il miglior candidato che li rappresenterà alle elezioni generali. La maggior parte degli Stati organizza le primarie da sei a nove mesi prima delle elezioni generali, che si tengono a novembre. Gli elettori delle primarie scelgono il loro candidato preferito in modo anonimo.

Caucus: Nei caucus, gli elettori scelgono il candidato migliore attraverso una serie di riunioni e votazioni. I caucus sostituiscono le elezioni primarie. Gli Stati che attualmente utilizzano questo sistema sono Nevada, Wyoming, North Dakota, Iowa e Missouri.

Il numero di stati in cui si tengono i caucus è progressivamente diminuito, in parte su incoraggiamento del Comitato nazionale democratico a utilizzare le primarie, che sono più semplici da gestire. Il Kansas, il Maine e le Hawaii sono tra gli ultimi stati che hanno optato per un sistema di primarie.

Primarie vs caucus

Gli Stati che utilizzano le primarie e quelli che utilizzano i caucus

I delegati sono persone autorizzate a rappresentare gli elettori a una convention di un partito politico. Possono essere funzionari eletti, leader di partito o anche attivisti (il che significa che i delegati non devono necessariamente essere politici).

Gli swing states, noti anche come "battleground states", sono stati che potrebbero supportare sia candidati democratici che repubblicani. Poiché possono essere potenzialmente vinti da entrambi i candidati, i partiti politici spesso investono maggior tempo e denaro per la campagna elettorale in questi stati.

Gli Stati in bilico nel 2024 sono Michigan, Georgia, Arizona, Pennsylvania, Wisconsin, Nevada e North Carolina.

Gli Stati in bilico

Il numero di Stati che ha cambiato partito rispetto all’elezione precedente

Durante le convention nazionali, i delegati selezionati durante le primarie e i caucus "per rappresentare il popolo" appoggiano i loro candidati preferiti. In parole povere, i delegati statali si recano alla convention nazionale per confermare la loro scelta di candidati. Il candidato presidenziale definitivo di ciascun partito viene annunciato ufficialmente al termine delle convention. È proprio in questa occasione che il candidato presidenziale sceglie anche chi vuole al suo fianco, il cosiddetto “running mate”, cioè il candidato alla vicepresidenza.

Il Collegio elettorale è un organo di elettori istituito dalla Costituzione degli Stati Uniti, incaricato di eleggere formalmente il presidente e il vicepresidente. Infatti, negli Stati Uniti, presidente e vicepresidente sono eletti dal Collegio elettorale invece che da un voto popolare diretto.

Il Collegio elettorale è composto da 538 elettori scelti da ogni Stato, al quale viene assegnato un numero di elettori pari al numero totale dei suoi Senatori e dei Rappresentanti al Congresso degli Stati Uniti. Ad esempio, la California, essendo lo stato più popoloso, ha 55 elettori, mentre stati più piccoli come il Wyoming hanno 3 elettori (2 Senatori + 1 Rappresentante). Il processo di selezione degli elettori varia da stato a stato, ma in genere sono scelti dai partiti politici e spesso sono fedeli al partito.

Il giorno delle elezioni (5 novembre), quando gli elettori votano per il presidente e il vicepresidente, in realtà votano per una lista di elettori scelti dal partito politico dei rispettivi candidati. In breve, stanno dicendo al loro stato per quale candidato vogliono che si voti alla riunione degli elettori. In tutti gli stati, ad eccezione del Maine e del Nebraska, il candidato che vince il voto popolare riceve tutti i voti elettorali. Questo sistema viene spesso definito "winner-takes-all".

Gli elettori si riuniscono nei rispettivi stati il 17 dicembre dopo le elezioni generali per votare per il presidente e il vicepresidente. Questi voti vengono poi inviati al Congresso. Il 6 gennaio, i voti vengono contati durante una sessione congiunta del Congresso. Il candidato che riceve la maggioranza assoluta dei voti elettorali (270 su 538) diventa il presidente eletto. Se nessun candidato ottiene la maggioranza, la Camera dei rappresentanti sceglie il presidente tra i primi tre candidati e ogni delegazione statale ha un voto.

I critici del Collegio elettorale sottolineano che può portare a situazioni in cui un candidato vince il voto popolare a livello nazionale ma perde il voto elettorale, come è accaduto nelle elezioni del 1876, 1888, 2000 e 2016.

Gli elettori per Stato

Il numero di elettori assegnato a ciascun Stato

Entrambi i candidati competono per ottenere i voti del Collegio elettorale. Ogni stato ha un certo numero di voti del Collegio elettorale (in parte in base alla popolazione) e ci sono in totale 538 voti in palio, quindi il vincitore è il candidato che ne ottiene 270 o più. Ciò significa che gli elettori decidono a livello statale piuttosto che a livello nazionale, motivo per cui è possibile che un candidato vinca il maggior numero di voti a livello nazionale - come ha fatto Hillary Clinton nel 2016 - ma venga comunque sconfitto dal Collegio elettorale. In tutti gli Stati, tranne due, vige la regola del "winner-takes-all" (Maine e Nebraska), per cui il candidato che ottiene il maggior numero di voti si aggiudica tutti i voti del collegio elettorale dello stato.

In sintesi, mentre i delegati svolgono un ruolo nella nomina del candidato presidenziale di un partito alla convention nazionale, il Collegio elettorale è responsabile dell'elezione formale del presidente e del vicepresidente degli Stati Uniti in base all'esito delle elezioni generali.

delimiter
delimiter
EN
Torna all'indice